DUE DETENUTI DI UN CARCERE DI MASSIMA INSICUREZZA

Luigi Catillo - racconti brevi

«
Roman!»

Roman non rispose. Roman era in un altro mondo. Roman si era beccato un bel colpo di fulmine quel giorno. Lui e il suo amico Kevin non erano andati a scuola. Capitava spesso. Dicevano che si rompevano il cazzo, preferivano bighellonare lungo la strada, fumare, ascoltare musica e fare l’amore con le belle ragazze. Tutto ciò era per loro una valida alternativa alla monotona routine scolastica, nonostante avessero molti amici lì con i quali si divertivano e ne combinavano spesso delle belle facendo arrabbiare sia il preside che alcuni insegnanti. La loro poca dedizione allo studio era però bilanciata da una spiccata intelligenza che faceva capolino durante le lezioni, soprattutto quelle legate al ramo scientifico.

« Non te la darà mai! Guardala, lei è una raffinata, vedi come è vestita, non è roba per te, poi per giunta è bianca, è una dei gagé….»

In
quel momento Roman…

View original post 2.540 altre parole

GRAZIE SIGNOR TETRIS!

In poco tempo la vita di Antonio Montalone franò di colpo. Raggiunse la vetta tanto ambita non curandosi troppo delle conseguenze delle sue scelte avventate, scelte dettate solo dall'energico sbattere delle ali di un entusiasmo infantile il quale in realtà necessitava solo di un insaziabile accumulo. Chissà, forse questo modo di agire sarà stato in... Continue Reading →

DAI PABLO, MUOVITI!

Il bombardamento aereo iniziò verso le 4:30 del mattino. La quiete, o l'apparente quiete ( già nell'aria si poteva respirare l'attacco delle unità militari nemiche) venne stravolta insieme alla vita della mia piccola città. È impossibile per me dimenticare il fuggi fuggi generale nel quartiere unito a delle micidiali esplosioni accompagnate da urla di disperazione... Continue Reading →

L’ABUSO DELLA VERTICALITÀ

Ermes, Shu e Thor erano tre amici inseparabili. Si conoscevano da molti anni e gradualmente iniziarono a capire che le loro tre esistenze erano in realtà un'unica entità che decisero di chiamare EST. EST era la sommatoria delle loro energie psichiche la quale iniziò lentamente a cambiarli. EST , fin dalla sua prima apparizione, manifestò... Continue Reading →

EVA E LA SUA DIMENSIONE

Abbassai la saracinesca del negozio con una stanchezza mai avvertita prima. Forse questa stanchezza era dovuta alle milioni di parole inutili proferite dagli ultimi due clienti. Ero distrutta. Non mi era mai capitata una cosa del genere. Per loro scegliere una montatura degli occhiali rappresentava un compito arduo nel quale dovevano essere analizzati una marea... Continue Reading →

PENA DI SORTE – IL LABIRINTO (ultima parte)

Il sensuale corpo di Ila e quello tozzo di Akash erano appesi a testa in giù come due salami mangiucchiati un po' da tutte le parti da affamate e voraci bocche. I loro volti erano tumefatti ed insanguinati, i corpi rigidi accoglievano inermi calci, pugni, urina, merda, sputi, sprangate, torture ai genitali, infamanti parole piene... Continue Reading →

PENA DI SORTE – IL LABIRINTO (seconda parte)

Alekos entrò tremante nella famigerata stanza del quiz. Qualche minuto prima aveva ostentato un' invidiabile calma che aveva sopreso le guardie e gli altri prigionieri. Rideva, faceva battute, raccontava aneddoti divertenti riguardanti le sue bizzarre esperienze di militanza politica dove vestiva i panni del leader carismatico pronto a tutto pur di non deludere se stesso... Continue Reading →

PENA DI SORTE – IL LABIRINTO (prima parte)

Dopo un lungo periodo di proteste con annessi cortei, esacerbanti polemiche, pressioni sia da parte di numerosi Stati del mondo sia da organizzazioni dei diritti umani molto influenti, in Rombidianan venne abolita la pena di morte. La notizia quando divenne ufficiale generò feste in piazza, urla di giubilo, pianti di gioia ecc. Insomma ci si... Continue Reading →

L’INTUIZIONE SCONCERTANTE ED UTILE DEL SOLDATO KORAL74

L'estate dopo la maturità fu molto lunga ed intensa sotto svariati punti di vista. Una parte di questa intensità venne occupata con grande merito dal soldato KORAL74. Quell'uomo rese quell'estate indimenticabile, la movida notturna cittadina si inchinava dinnanzi alla sua musica innovativa che fotteva dolcemente il cervello ed il corpo, quest'ultimo sempre in preda a... Continue Reading →

Blog su WordPress.com.

Su ↑

Crea il tuo sito web con WordPress.com
Crea il tuo sito
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: